43°raduno>>>

42°raduno>>>

41°raduno>>>

40°raduno>>>

39°raduno>>>

38°raduno>>>

37°raduno>>>

36°raduno>>>

35°raduno>>>

34°raduno>>>

33°raduno>>>

32°raduno>>>

31°raduno>>>

30°raduno>>>

Trasferta in Abruzzo>>>

Un viaggio a Chivasso>>>

La caserma Nino Bixio a Casale Monferrato>>>

Quel viaggio in Valle>>>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

38° raduno nazionale 2014

SCARLINO (GR) - TOSCANA

 

Scarica il video (formato m4v - 600mega)>>>

Vedi foto>>>

Carissimi amici,
Anche il 38 esimo raduno nazionale è terminato.
E’ stata come al solito una grande festa di amicizia, di buona cucina e di sano divertimento. Ci siamo ritrovati a Scarlino (GR) invitati da Bruno Gottardi - ineffabile organizzatore - con la collaborazione della gentile Signora Antonella e della figlia Barbara. Un ringraziamento particolare vada a Bruno anche in qualità di maglia rosa dei raduni, avendone organizzati ben tre fin ad ora. (Andalo, Follonica e ora Scarlino).

Siamo stati ospiti della fastosa cornice dell’Hotel “Corte dei Tusci”. Una struttura 4* che ha pienamente soddisfatto le attese. Immerso in una pineta verdeggiante, a 50 metri dal mare con spiaggia privata, due piscine e telo mare gratuito. Squisita disponibilità del personale, camere con appropriata volumetria, ordinate, molto pulite, bagni completi di ogni occorrenza. Cucina a buffet di buon valore con generosa varietà di antipasti, (anche di pesce), primi, secondi formaggi e dolci. Assolutamente impossibile assaggiare tutto. Colazione di minor qualità: Brioches non proprio eccelse, seppur in disponibilità industriale, certamente migliorabili. Buoni caffè e cappuccini preparati all’istante. Da dimenticare le bevande alla frutta, spillate dalla macchinetta, vero punto dolente della colazione. Vini bianchi e rossi da pasto (discreti) self service alla spina. Animazione equilibrata, non invadente, e un pregio che non sempre si valuta: dalle 23 fino alle 8 del mattino il silenzio e la tranquillità da soli valgono il soggiorno. Non si sente volare una mosca. Il parcheggio è riservato e chiuso da una sbarra, ma si trova di là da una strada molto trafficata. L’attraversamento non sempre è agevole. Scarsa la copertura WiFi, assente nelle camere, gratuita sul frontale interno della struttura. In Italia è noto quanto ancora sia scarsa la cultura concernente la disponibilità di Internet. Per troppa gente Internet è ancora equiparato ad un gioco, e ahimè, anche qui non si fa eccezione.

Il mattino del primo giorno mentre eravamo a colazione ci ha accolto Giove Pluvio mettendo in campo tutta la sua potenza. Tra le 7:30 e le 8 il cielo si è oscurato, le uniche luci erano date da fulmini di ogni dimensione e portata. L’escursione prevista è stata rinviata al giorno successivo dall’efficientissimo Bruno che sotto il diluvio armeggiava al telefono con gli enti turistici interessati. Niente paura alle 9:30 è tornato il sereno e con le macchine a disposizione siamo andati a Castiglione della Pescaia. Anziché fare il bagno abbiamo fatto i turisti “per caso”. Nonostante non fosse previsto (in origine) il rientro in sede, il maitre del Corte dei Tusci si è impegnato a fornire il pranzo a tutto il gruppo in modo egregio dimostrando una non comune dote di sensibilità.

Il secondo giorno niente pioggia, quindi iniziamo la prevista gita alla città di Pitigliano. Giornata splendida, pullman G.T. e guida per la visita alla terra del tufo. La guida da un’immagine discreta della Maremma mentre l’attraversiamo. Un ritratto storico fatto di speranze, mestizia e temerarietà. La malaria, il lavoro stagionale malpagato, gli stenti, le sofferenze e il brigantaggio caratterizzarono per secoli queste terre paludose. « Tutti mi dicon Maremma, Maremma...Ma a me mi pare una Maremma amara. L'uccello che ci va perde la penna. Io c'ho perduto una persona cara ». Dopo circa tre ore approdiamo a Pitigliano. Ammiriamo e apprezziamo quanto la guida ci prospetta di questo storico borgo abbarbicato su una rupe di tufo posta a poco più di 300 metri d’altezza s.l.m. Il palazzo Orsini, la Sinagoga, la Cattedrale e il ricordo alla nota figura del maestro Alberto Manzi, quello della trasmissione legata alla nostra infanzia “Non è mai troppo tardi”, che pitiglianese d’adozione, quì fu sindaco fino alla morte avvenuta nel 1997.

La sera siamo ospiti del ristorante “BALBO” di Scarlino per il cenone di commiato. Canti e balli fanno da cornice alla cerimonia di consegna della stecca della 644/72 all’organizzatore del prossimo raduno nazionale: Ivano Parisi con altri. La location sarà ambientata nella zona dei Castelli Romani, nel periodo solito della prima settimana di Settembre 2015. Come da richieste di molti sarà resa nota quanto prima la data precisa dell’evento.

Termino rinnovando il ringraziamento per il lavoro svolto a Bruno Gottardi ma senza dimenticare l’opera preziosa ed insostituibile di Stefano e Daniela Cucco.
Tanti saluti a tutti, e un cordiale arrivederci ai Castelli Romani in occasione del 39 esimo raduno della nostra Circolare.

Parma, 18-9-2014
Tiziano Testi
(Presidente Libera Associazione Circ.644/72 ex Genio Ferrovieri).

Scarica il video (formato m4v - 600mega)>>>

Vedi foto>>>

 

torna su

scrivi al webmaster - CHI SONO